lunedì 3 settembre 2012

Uova con mousse di tonno e ricotta light dedicato a Marta S.

Buona sera cari lettori,
tra le chiacchiere da blog che si svolgono ormai tra i commenti, una nuova follower (vedi Marta S.) mi ha chiesto dei piatti veloci da portarsi al lavoro. Quindi mi è venuto spontaneo, finalmente, riaprire la sezione DEDICA LA RICETTA.



Ingredienti per farcire 4 uova:
4 uova (ma va?!)
125 gr. di ricotta
2 acciughe
6 capperi
50 gr. di tonno sgocciolato


Procedimento:
Più rapido di così c'è solo l'inserimento del cucchiaino nello yogurt!
Mettere in un pentolino colmo d'acqua le 4 uova e aspettare che il liquido raggiunga l'ebollizione.Mentre aspettate, invece di guardare nel vuoto, ponete tutti gli ingredienti in un recipiente dal bordo alto e con il frullatore a immersione frullate senza pietà. Dopo un po' l'acqua dovrebbe finalmente aver raggiunto i 100° quindi fate cuocere le uova 7 minuti, dal momento dell'ebollizione, poi spegnete la fiamma e ''scolate'' le uova aggiungendo poi dell'acqua fredda. Per fare in modo che il tuorlo venga via in modo ''artistico'' dovete attendere che le uova siano abbastanza fredde, almeno una decina di minuti durante i quali potrete dedicarvi a grattare il gatto, il cane o il vostro ragazzo. Passato il tempo di riposo sgusciatele, tagliatele a metà e privatele del tuorlo. Chi ha voglia di fare una cosa decente può riempire una siringa da pasticcere di mousse e poi distribuirla in ogni cavità, altrimenti, chi se ne frega, fatelo con un cucchiaino e pace all'anima sua (in questo caso quella dell'uovo). Ehm era tutto qui....come avrebbe detto Julia Child: Bon appétit!
E come direi io......
ET VOILÀ!




Ora voglio parlarvi un po' di me.

Tra i miei followers ci sono molte persone che soffrono di disturbi del comportamento alimentare, io stessa ho sofferto di disturbi del comportamento alimentare e in parte ne soffro tuttora ma ogni giorno va sempre meglio...la mia guarigione è iniziata, piano piano, da almeno un anno e mezzo ma prima ricadevo sempre nel baratro...ora invece, da quando ho conosciuto il mio ragazzo, lentamente, inconsapevolmente, qualcosa in me è cambiato e anche se ci sono state delle ricadute non sono mai tornata alle vecchie abitudini. Io ho odiato quella parte di me, odio quella parte di me e forse proprio per questo con tanta determinazione la combatto ogni giorno.

Credo di essere stata molto fortunata perché la mia profonda voglia di guarire, una volta per tutte, ha trovato la persona in grado di spronarmi, di aiutarmi, di starmi vicino e soprattutto di credere in me, molto più di quanto abbia mai fatto io. Molto di più. Forse invidierò sempre quelle persone che riescono a mangiare una fetta di torta senza pensare ''ora devo togliere i carboidrati dal pranzo di domani'' , che mangiano allegramente un gelato senza fare il rapido calcolo delle calorie della giornata per capire se possono concederselo o meno...e invidierò anche quelle persone che, magari, un giorno mangiano un po' troppo ma non per questo cadono in abbuffate compulsive per i successivi tre. Forse, forse no.

Io voglio la gioia, voglio la spensieratezza dei miei 23 anni, voglio riprendermi tutta la fiducia che ho perso in me stessa in questi anni, voglio ritrovare la direzione della mia vita, voglio sentirmi bella, voglio sentirmi brava, voglio sentirmi la migliore. Voglio la mente pulita dal passato, voglio chiudere con il passato e diventare la persona che sono, nascosta dall'insicurezza, dai disturbi alimentari, dalla timidezza, dalla paura. IO VOGLIO. Lo voglio profondamente con coraggio, con forza, caparbietà. E voi lo volete? Volete uscirne e cambiare la vostra vita? Aiuterò sempre, nel mio piccolo, anche solo con una ricetta, chi chiederà il mio aiuto. Fatelo anche voi, iniziando dai voi stessi.

21 commenti:

  1. Bella ricetta, ma soprattutto belle parole, personalmente mi ci sono in parte riconosciuta. So che è molto dura cambiare,è un processo davvero lento, ma hai ragione tu, ne vale la pena,e soprattutto bisogna crederci profondamente. Grazie per avermelo ricordato

    Giorgia87

    RispondiElimina
  2. Bisogna ricordarselo a vicenda direi, è stato difficile scrivere cose tanto personali, non riesco nemmeno a rileggere, però spero che saranno d'aiuto a qualcuno. Sicuramente sono state un pò d'aiuto a me perchè bisogna anche incoraggiarsi da soli e autoconvincersi che una giornata storta è una giornata storta, un giorno di abbuffate o digiuno è un giorno di abbuffate o digiuno, e basta. Si deve sempre andare avanti tenendo ben presente l'obiettivo.

    RispondiElimina
  3. Grazie mille per la ricetta, giusto quello di cui avevo bisogno!
    Inoltre ogni volta che preparerò questo pranzetto ricorderò le parole che hai scritto nel post ricetta, parole che ho bisogno di leggere, memorizzare ed applicare. Ricadere nei dca è un attimo, ma credo valga di più la pena ragionare e nutrire il proprio corpo con amore e cure. :)
    Ancora grazie carissima,
    Marta S.

    RispondiElimina
  4. Figurati...comunque sempre ieri sera ne ho preparata un'altra per te e nei prossimi giorni la pubblicherò. Quando uno è giù di morale o non vuole pensare o quello che è deve distrarsi...io lo faccio mettendo le mani in pasta!
    Si ricaderci è veramente un attimo, io dico sempre che potrei finire come le ragazze disperate di alcuni blog...ma la differenza sta nel fatto che mi sono sempre fermata prima e che non bisogna mai, dico mai, ricadere negli stessi errori. Fare qualsiasi cosa ma non ricaderci e se dovesse succedere...è solo un episodio ''una rondine non fa primavera'' nè in positivo nè in negativo.
    La pausa è finita torno a studiare...bleah.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io quando devo distrarmi esco a far foto o invento make up creativi! L'importante è dar sfogo alla fantasia.
      Ammetto di essere stata fortunata come te, diciamo che sono stata salvata più volte prima del peggio (perchè credo che la mia condizione sia sempre la meno peggio).
      Comunque sono curiosa per la nuova ricetta,
      a presto
      Marta S.

      Elimina
  5. Ciao, mi colpiscono molto le tue parole e la tua esperienza. Ero rimasta molto colpita anche da una poesia che avevi pubblicato tempo fa. Molte persone vicino a me hanno sofferto e soffrono di disturbi alimentari. Ognuno di loro ha trovato i suoi strumenti per sopravvivere, per andare oltre. E’ una lotta quotidiana, come scrivi tu, bisogna combattere tutti i giorni. Vorrei solo aggiungere mai contro se stessi. O contro quella parte che odi. È una parte di te, più fragile, più angosciata, meno controllabile ed è una parte di te. Se posso, senza presunzione davvero, c’è anche l’accettazione come strumento per aiutarti e aiutarsi nel processo di guarigione. Io provo a farlo in tante cose, compreso il rapporto con il mio corpo. Non odio quel “rotolo” che sbuca, è una parte di me. Non è sempre facile guardarmi e dirmi che sì mi voglio bene incondizionatamente. È una lotta, un lavoro quotidiano. È ho provato amandomi anche per quella mia fragilità che mi posso accettare. Buon lavoro :D

    RispondiElimina
  6. Stella ti capisco tanto credimi perché le cose che facevi tu le ho fatte e in momenti di crisi mi torna fuori ma dobbiamo essere forti !!!
    Mi segno la tua ricetta perché e' molto sfiziosa :)
    P.S. Il blog mi ha aiutata molto;)

    RispondiElimina
  7. @Chiara: Grazie mille per le tue parole, mi fa sempre uno strano effetto quando qualcuno dice di essere rimasto colpito dalle mie parole. Se ti riferisci alla ''poesia'' che credo io penso di averla totalmente eliminata, in momenti di pazzia magari arrivo anche a pubblicare certe cose ma poi butto tutto però mi fa piacere che tu l'abbia apprezzata. Io ancora sono molto lontana dall'amarmi e dal non odiare il kg o i kg in più...ma anche se adesso mi sembra una meta irragiungibile, spero che un giorno ci arriverò. Grazie ancora.
    @Dolcemeringa Ombretta: Siamo sempre in aumento purtroppo ma l'importante è uscirne fuori. Spero la ricetta ti piacerà, a presto :-)

    RispondiElimina
  8. Ciao Marcella! Sei veramente bravissima a creare delle ricettine light ma senza mai perdere il gusto e la golosità, complimenti di vero cuore! Segno subito questa ricettina perché mi piace tanto :) Mi dispiace tanto per tutto quello che hai passato, tantissimo. Ricorda che il tuo passato è passato, non deve condizionare il tuo presente e il tuo futuro, oggi sei una persona diversa e con tanta forza, sei bellissima e perfetta, ma soprattutto per te stessa e per chi ti ama. Fregatene sempre del giudizio altrui e non far entrare mai nessuno in ciò che è tuo e basta, a volte il giudizio può condizionarci l'esistenza ma le persone giudicano e vanno via, tanto per parlare. La perfezione non esiste, esiste l'amore per te stessa. Dedicati alle cose che ami e amati, sempre. Ti abbraccio forte forte, buona giornata tesoro :)

    RispondiElimina
  9. Queste mi piacciono da matti, brava Marcella!!!!!

    RispondiElimina
  10. @Velentina:GRazie mille, mi ha fatto davvero piacere leggere quello che hai scritto!!La ricetta mi sembrava anche abbastanza banale ma sono contenta che ti piaccia!
    @Speedy70:Thank you a lot!

    RispondiElimina
  11. bella questa ricetta...da provare!

    RispondiElimina
  12. mi piace questo piatto...buono!

    RispondiElimina
  13. ciao Marcella, piacere di averti scoperta, sei molto brava e mi sono iscritta subito!se vuoi ricambiare ti aspetto da me, grazie!

    RispondiElimina
  14. Utilissima l'idea dei piatti veloci da poter consumare al lavoro... anche perchè, con i miei "meravigliosi" 20 minuti di pausa pranzo quando sono in tirocinio, non c'è proprio da scialare col tempo...!

    RispondiElimina
  15. grazie per avermi in qualche modo difeso sul blog di Holly

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati,ho solo detto quello che pensavo.

      Elimina
    2. ok, ma per me è stato un grande gesto

      Elimina
  16. fa sempre molto comodo aver qualcuno che ti ricorda la semplicità dei piatti!

    RispondiElimina
  17. mi dispiace per quello che ho letto in questo post, ma mi ha fatto piacere conoscere qualcosa in più di te. Sei una bella persona, e la bellezza non si pesa ne si musura, si trasmette!!!
    Per quanto mi riguarda, leggerti è sempre una boccata d'aria fresca!!
    Nei tuoi primi commenti da me ho pensato che fossi matta, ora ne ho la certezza!! Mi piaci, e mi piacciono le tue ricette, il modo in cui le descrivi e le presenti, mi piace la tua sana pazzia,mi mette allegria.
    Grazie!!!!! Buona domenica :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi si nota tanto che sono matta?pare di si!
      Grazie mille per quello che mi hai scritto,non sai quanto mi fa piacere,capire gli altri non è cosa da poco e tu mi sembri una persona molto intuitiva in questo senso,come mi,quindi non posso che apprezzarti.
      Grazie!

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...