lunedì 5 maggio 2014

Ravioli semi integrali ripieni di cicoria e ricotta con condimento light

Cari lettori,
la sessione estiva si avvicina a grandi ''zampate'' ed io sono un po' (....) preoccupata.
Proprio per questo ho avuto una fase che amo definire da ''impastatrice folle'' e in un solo giorno, infatti, ho impastato tipo 800 gr. di strozzapreti e poi ben 42 ravioli, che ora vi propongo.
A fine giornata ho capito perché le parti più possenti di una brava massaia sono sicuramente gli avambracci!


Ingredienti per circa 42 ravioli (ne fate una bella scorta e li surgelate per il pranzo della domenica!)

300 gr. di farina integrale
150 gr. di farina manitoba
2 piccole uova
acqua q.b. da aggiungere ad occhio, per amalgamare meglio l'impasto, se necessario

per il ripieno:

250 gr. di cicoria (o se preferite spinaci) freschi o surgelati
140 gr. di ricotta light o ricotta di pecora
1 cucchiaio di parmigiano grattugiato
Sale & pepe q.b.
Noce moscata: un'abbondante grattugiata

Per il condimento:

Potete decidere di usare una semplice salsa al pomodoro senza olio oppure fare come me e ricreare una sorta di burro e salvia utilizzando:
2-3 cucchiai di olio di ottima qualità (aromatizzato all'aglio, per esempio, sarebbe il massimo)
5-8 foglie di salvia fresca tritata
3 cucchiai di acqua
2 cucchiai rasi di parmigiano

(N.B. queste dosi vanno bene per condire circa 20 ravioli)




Procedimento:

Per la pasta: In un robot da cucina impastate uova, farina integrale, manitoba e, se necessario, dell'acqua da aggiungere poco alla volta. Dopo 5 minuti trasferite l'impasto, che dovrebbe risultare un po' ''sbricioloso'', su un piano da lavoro infarinato. Dateci dentro di olio di gomito e impastate energicamente fino a creare una palla di pasta liscia ed omogenea. Lasciatela riposare almeno mezz'ora e nel frattempo preparate il ripieno.


Per il ripieno: Cuocete la cicoria o gli spinaci seguendo le istruzioni, se li usate surgelati, o mettendoli in padella anti-aderente, chiusi da un coperchio, e facendoli cuocere a fiamma media per circa un quarto d'ora. Una volta pronti dovete strizzarli con molta, molta cura, in modo che perdano tutta, o quasi, l'acqua di vegetazione; poneteli nel robot da cucina o in un frullatore, unite gli altri ingredienti del ripieno e frullate fino a creare una sorta di crema ben compatta. Assaggiatela per assicurarvi che abbia un buon sapore :-)

Assemblaggio: Prendete la palla di pasta, infarinate bene il ripiano da lavoro e stendete una sfoglia sottile, se riusciste a darle una forma quadrata sarebbe un'ottima cosa. Tagliate, di volta in volta, due strisce larghe circa dieci centimetri e disponete, su una delle due, la farcitura (un cucchiaino abbondante per raviolo) a intervalli di spazio regolari. Ora, spennellate di acqua tutto intorno la striscia con il ripieno e sovrapponete l'altra sfoglia. Schiacciate bene le due sfoglie sovrapposte, in modo che si uniscano, cercate di eliminare le eventuali bolle d'aria che si creeranno e premete con energia intorno al ripieno, in modo da bloccarlo evitando che il raviolo si apra durante la bollitura. Non vi resta che tagliare dei quadrati di circa 4x4 oppure, utilizzando un taglia biscotti (come ho fatto io) ritagliare delle forme carine...a cuore sono bellissimi, li faccio spesso!


Cottura: In una pentola piena di acqua salata fate bollire per 5 minuti i vostri ravioli, nel frattempo preparate il sugo di pomodoro oppure versate l'olio in un'ampia padella e fate soffriggere, a fiamma media, insieme a 1 cucchiaio d'acqua, la salvia. L'olio si aromatizzerà alla salvia, diventando anche leggermente verde, e l'odore sarà inebriante. Una volta cotti i ravioli scolateli in maniera blanda, uniteli al sughetto pronto in padella e, mescolandoli continuamente, aggiungete gli altri due cucchiai di acqua, alzate la fiamma al massimo e fateli cuocere per un paio di minuti scarsi.
Prima di servire cospargeteli di parmigiano (non prima, altrimenti si attacca tutto alla padella).




CONSIGLI MARCELLESCHI: Io ne ho mangiati 7. Insieme ad un'insalata e un frutto sono più che sufficienti ma dipende anche dalla grandezza, quindi regolatevi ad occhio!

ET VOILÀ!







12 commenti:

  1. GRANDE MARCI, GRAZIE per questa bellissima ricetta!!

    Giorgia87

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma Giorgi grazie a te per la tua fedele presenza! E ancora non ti ho fatto nemmeno la brioche col gelato! Devo recuperare, non posso deludere la mia follower N.1 !
      Che palle torno a étudié.

      Elimina
  2. Ma che meraviglia! Hanno un aspetto stupendo! Io comunque ho sperimentato la Norma light ed è venuta buonissima! Hai delle idee davvero geniali, apprezzo un sacco il tuo blog! Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero?? grazie mi gonfio di orgoglio :-)) !! Sono contenta di sapere che la pasta alla norma ti sia piaciuta, io ho anche diligentemente cambiato il parmigiano in ricotta salata, un'imperdonabile svista da parte mia!

      Elimina
  3. Conosco bene quella "preoccupazione" per la sessione d'esami... io la sfogavo andando in auto a tutta velocità, tu cucinando manicaretti... direi che almeno la tua modalità è decisamente più produttiva!! ^__^"
    Ti abbraccio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha Grazie!! Meno male che sei sopravvissuta Veggie!

      Elimina
    2. più produttiva e meno suicida aggiungerei veggie !

      Elimina
  4. Io adoro le ricette alternative per i ravioli, dal momento che la mia mammina alla ricotta del ripieno aggiunge sempre prezzemolo e a me non piace per niente!

    Per la dieta che sto facendo, secondo me qualche sostituzione si può fare. Ad esempio le uova sode a me non piacciono, quindi le faccio sbattute senza aggiunta di nessun condimento. Neanche del prosciutto cotto vado pazza, soprattutto se si tratta di mangiarlo per due giorni di seguito! Quindi un giorno lo mangio cotto, un giorno mangio prosciutto di tacchino.
    Per il riprendere i kg, in teoria dicono sia una dieta che non ha bisogno di mantenimento, in realtà credo che ci voglia eccome! Ho pensato di riaggiungere pian piano i carboidrati, iniziando la prima settimana ad aumentarli a colazione, poi riammettendoli al pranzo aumentando pian piano! :)

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...