mercoledì 13 novembre 2013

Mozzarella sciolta, ricordi, me

Cari lettori,
Oggi, come da titolo, parlerò un po' di me quindi chi, comprensibilmente, non avesse voglia di leggere tutto il papiro passi pure direttamente alla ricetta
Può un piatto riportarci nel passato? Sicuramente sì. Mia madre, quando ero piccola, preparava spesso a me e alle mie sorelle quella che a casa mia si è sempre e solo chiamata "mozzarella sciolta". Mi basta prenderne una forchettata per tornare alla bambina che ero...seguivo mia madre ovunque, mi nascondevo nella sua macchina per andare a lavorare con lei, vivevo in un mondo tutto mio, giocavo con qualsiasi cosa e qualsiasi cosa diventava un'avventura. Avevo "troppa fantasia" dissero le maestre a mia mamma. Eppure in quella fantasia mi ci rifugiavo spesso, come faccio ora, e mi ha fatto compagnia nei pomeriggi solitari. Come i libri, da sempre miei grandi amici, fedeli e perpetui. Cari.
Momenti di gioia erano quando tornava mio padre dal lavoro, ricordo che battevo le mani sul seggiolone e facevo festa. Momenti di gioia erano i bagni bollenti che mia mamma faceva a me e a mia sorella, ricordo che una volta lei e mia nonna ci lavarono versandoci addosso dei grandi secchi di acqua calda....e ancora oggi, quando sono triste, faccio la doccia al buio, mi siedo sotto l'acqua scrosciante e bollente, chiudo gli occhi e per qualche secondo rievoco quelle sensazioni che tornano sempre uguali, come se non fossero passati vent'anni.
Ero felice anche a tavola, ovviamente. Erano i momenti in cui stavamo tutti insieme e c'era anche mio padre.Spesso chiedevo a mia mamma di cucinarmi, appunto, la mozzarella sciolta. Prima mangiavo tutto il pomodoro intorno, a cucchiaiate, poi pezzetto per pezzetto assaporavo la mozzarella. E ridevo. Ridevo molto da piccola. Questo e uno di quei piatti che preparerò ai miei figli, se mai ce li avrò. Questi sono quei bocconi d'infanzia, teneri e avvolgenti, come la coperta calda che chi ci ama ci stende addosso mentre infreddoliti e dormienti ci riposiamo sul divano.Sono quelle cose che fanno parte di te, si cristallizzano nel passato e costituiscono una memoria perpetua.
Chi di noi non ama ricordare i giorni felici? "il dolce, il caro, il pio passato", come diceva Micol Finzi-Contini, colui che ci ama e aspetta sempre, perchè sempre da lui torneremo, a qualsiasi età, nella sicurezza dell'immutabile memoria.




Mi dispiace per la bassa qualità delle foto: le ho scattate con il cellulare


Ecco la ricetta!


Ingredienti
100 gr. di mozzarella
Un barattolo di pomodoro a pezzetti
Sale
Un pizzico di zucchero
Origano (io non ce l'avevo, purtroppo)


Procedimento:
In una padella versare il pomodoro e un pizzico di zucchero, lasciar cuocere per 5 minuti a fiamma alta.
Unire la mozzarella tagliata a fette e portare la fiamma al minimo. Aggiustare di sale.
Lasciare andare per altri 5 minuti circa o fino a quando la mozzarella non sarà un po' fusa ma non troppo, deve restare integra.

Spolverare con dell'origano, versare su un piatto fondo e servire.
Scarpetta d'obbligo.
ET VOILÀ!







14 commenti:

  1. Adoro ogni tipo di formaggio sciolto
    Anche la mozzarella

    Bello associare i ricordi belli con una ricetta così che lo puoi ripercorrere ogni volta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sapevo che eri una che ci capisce!

      Elimina
  2. Cara Marci ti ringrazio moltissimo per averci regalato un pezzo della tua vita, leggerti è stato emozionante.
    Un bacione cara!

    p.s. la mozzarella sciolta è davvero deliziosa, baci baci!

    RispondiElimina
  3. Questo me lo faccio sicuro. Ma anche la salsiccia del post precedente.
    Continua a ridere. O ricomincia. :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E anche il salmone del post precedente-precedente,mi raccomando!
      ;-D

      Elimina
  4. Ah, eccolo il piatto! Io lo chiamavo semplicemente pelati con mozzarella! Ma sai che fa parte anche della mia, non infanzia, ma adolescenza. Mi piaceva molto e me lo facevo fare spesso, perchè erano ingredienti che c'erano sempre e mi piaceva fare il paciugo col pane. Era veloce, all'epoca non mi fregava molto di ciò che mangiavo, quello che trovavo e via : )
    Il tuo racconto d'infanzia mi ha fatto affiorare un bel sorriso, sai? Affetto nei tuoi confronti, tanto : ) I giorni felici, già, l'importante è non dimenticarli e pensare che se ci sono stati forse, anche solo forse, magari un giorno si ripeteranno. Lo spero ardentemente, per te, per me, per tutti. E spesso la felicità coincide proprio coi pensieri d'infanzia, darei tutto per rivivere in quella serenità sognante...
    Ciao ; )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci saranno sempre giorni felici,sempre,per chiunque.
      Credo che la cosa che nella vita vada apprezzata di più sia l'affetto degli altri e non sai quanto ti ringrazio per quello che hai sentito per me.E sono felice del tuo sorriso,lo stesso che mi hai fatto affiorare tu! :-D

      Elimina
  5. Anche noi la abbiamo fatta qualche volta, ma non la facciamo da tanti anni...grazie per questa bella ricetta!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E allora rifatela,io l'adoro!
      Grazie a te!

      Elimina
  6. Non ho mai mangiato un piatto del genere, però la mozzarella mi piace, e quindi penso che lo posso provare!... E, tra l'altro, ho letto tutta la tua rimembranza dell'infanzia senza saltare direttamente alla ricetta: è sempre molto bello quando scrivi qui condividento anche un frammento di te, di quella che sei stata, con tutta la geniunità e la potenza che questi ricordi possiedono...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Veggie,sono contenta che ti sia piaciuto quello che ho scritto :-) !
      Provala la ricetta,potrebbe essere un piatto molto adatto alle tue esigenze:facile e rapido!

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...